La tua via di fuga? Studia un metodo realmente applicabile!

Spoiler alert: sto per farti una offertona acchiappa-polli… 

Agosto è alle porte.

Vorresti andare in vacanza ma sei preoccupato per il futuro?

Temi che la situazione possa precipitare nuovamente, mettendo in pericolo il tuo posto di lavoro, o la tua azienda?

Cerchi un qualcosa che possa darti un cuscinetto di appoggio, una piccola entrata mensile extra?

Accidenti non mi sembra che io stia facendo un buon lavoro. Non sono abbastanza incisivo.

Aspetta, riparto da capo.

Hey, leggi qui, ho la soluzione a tutti i tuoi problemi. Ti svelo come guadagnare 5000 euro alla settimana vendendo opzioni. Tutto per soli 1000 euro. 

Non credo sia necessario che ti dica che sto scherzando…

Se ti ho fatto sorridere, vuol dire che è capitato anche a te di ricevere questi messaggi.

Nei giorni scorsi tanti venditori di segnali di fuffa-trading hanno cercato di agganciarmi su Linkedin.

Su Linkedin! Non su Facebook…

La più grande rete di professionisti del mondo è stata letteralmente invasa da cacciatori di disperati pronti a credere ai rendimenti stellari senza sforzo, senza studio e in fretta.

Mi è toccato pure litigare con una ragazzotta del Texas che voleva rifilarmi un servizio sulle opzioni binarie con promessa di fare il 200% al mese. Voleva anche rassicurarmi sul fatto che posso prendere fuori gli utili! Le ho dovuto spiegare che io studio le opzioni da quando lei giocava con le bambole, e che se le binarie in Europa sono state vietate forse un motivo c’è…

Poi c’è stato il ragazzotto che “sto sponsorizzando un servizio di segnali sul Forex che offre il 25% al mese di ritorno, basato su diecimila simulazioni Montecarlo e che dal 2017 ad oggi non ha mai chiuso un solo mese in perdita”.

“Basato su simulazioni Montecarlo”… Roba da matti…

Al di là di questi casi eclatanti, comunque, la situazione generale è abbastanza da mettersi le mani nei capelli.

Se ricevi newsletter finanziarie negli ultimi mesi sarai sicuramente stato tempestato di centinaia di mail, con altrettante proposte, offerte, offertine e offertone, offerte speciali, offerte specialissime, offerte irrinunciabili, offerte lampo, offerte da cogliere al volo, offerte che scadono fra 3 minuti e 27 secondi… E avanti così.

Soprattutto nelle settimane del lockdown.

Credo che il pensiero diffuso sia stato molto semplice: c’è un sacco di gente a casa annoiata, molti senza stipendio, o a stipendio ridotto, la fame che incombe e la disperazione alle porte…. Cerchiamo di rifilargli un bel servizio di segnali di trading, o un corso.

Che ci vuole? Promettiamo guadagni elevati con poco sforzo, rapidamente e con poco rischio. E vedrai che arrivano a frotte…

Poi non voglio fare di ogni erba un fascio, intendiamoci.

Non tutti vendono fuffa. Anzi, la maggior parte (spero ancora per molto tempo, anche se sto perdendo la fiducia e la speranza) vende prodotti validi, utili, di valore.

Tanti in questo settore durante il lockdown hanno continuato le proprie attività come nulla fosse. In fondo stavano comunque erogando un servizio. Valido e degno di considerazione. Questo è indiscutibile.

Io ho fatto una scelta diversa: il 12 marzo ho inviato una comunicazione a tutti i miei contatti, nella quale segnalavo la mia intenzione di interrompere le comunicazioni fino al ritorno alla normalità, dicendo che non mi sembrava cosa ortodossa martellare tutti di pubblicità e di offerte da cogliere al volo in un momento come quello.

E così ho fatto, fino al 6 giugno. Tre mesi di silenzio radio.

Uno mi ha scritto poco dopo dandomi del markettaro. Non sapevo nemmeno cosa rispondergli.

Sentivo che fosse la cosa giusta da fare e ho agito così. Non stavo mica cercando un applauso…

Qualche “collega” mi ha definito stolto.

Sicuramente ho lasciato qualche cliente per strada, qualcuno che avrebbe potuto comprare da me invece che da altri. E magari sarebbe anche rimasto soddisfatto, poi, alla fine.

Ma io sono contento della mia scelta.

Bene. Oggi a che punto siamo?

A ben guardare non è che siamo poi così lontani dal punto precedente… Siamo tornati al lavoro, anche se non tutti, siamo tornati al ristorante, con cautela; siamo tornati a prenderci qualche aperitivo (io a dire il vero no, non sono un tipo da aperitivi). Andiamo al supermercato sempre con la mascherina, ma almeno non facciamo più la fila per entrare.

Ma il futuro è ancora qualcosa di molto indistinto, si fatica parecchio a fare progetti, a prendere impegni, a decidere di investire. Non solo denaro, ma anche tempo ed energie.

Parlando di denaro, i mercati sono ritornati euforici, ma la paura è tanta.

Moltissime aziende sono fallite, perfino alcuni colossi.

Abbiamo visto il petrolio finire abbondantemente in negativo, cosa che personalmente ritengo nessuno si aspettasse mai.

E se non ti puoi fidare più nemmeno del petrolio…. Di chi ti fidi?

Io me la sto facendo sotto, ad essere sinceri.

Continuo a lavorare, a seguire i miei metodi operativi, ma con molta cautela.

In questi giorni poi mi sono rimesso al tavolo da lavoro.

La mia strategia di vendita di put su azioni americane sta dando buoni frutti: lo puoi vedere a questa pagina —–>>>>>

Ma c’è sempre il tarlo di quell’evento generalmente poco probabile ma che incombe sempre più come una spada di Damocle. Oggi più che mai.

Sto parlando del possibile fallimento di una società quotata.

Ci sono alcune contromisure che si possono adottare, per esempio diversificare il più possibile, e magari inserire in portafoglio anche alcuni ETF.

Se stai scuotendo la testa, pensando che gli ETF americani noi non possiamo tradarli dall’Italia, ti esorto a ripensarci, perché il vincolo è facilmente aggirabile, e le opzioni sono un mezzo molto efficace per aggirarlo.

Ma l’inserimento degli ETF in portafoglio può generare problematiche di money management e quindi è una scelta che va molto ben ponderata.

Il money management è sempre l’aspetto più importante nel trading.

Qualcuno afferma che sia la mentalità ciò che conta di più.

Ma io non sono d’accordo, perché la mentalità – per quanto importante, non discuto – non permette a chi fa male i conti di salvarsi dai cigni neri.

Non è che se ti concentri forte forte e pensi positivo positivo va tutto bene…

L’unica cosa che salva dai cigni neri è l’aver fatto bene i compiti a casa, l’aver allocato al conto il capitale che serve.

Che magari serve soltanto qualche volta, ma la volta che serve davvero è lì, pronto a salvare il risultato dall’evento fortemente avverso.

Sto studiando il problema da tanti anni e il grosso del mio lavoro sulle opzioni su azioni americane è stato proprio lì… Nel cercare di capire come utilizzare il capitale al meglio.

Ma soprattutto nel cercare di capire quanto posso spingere con l’operatività dato il capitale a disposizione. Perché quello è il punto nodale di tutto il discorso.

Alla fine è soprattutto un discorso di prudenza, di pazienza e di metodo.

E il mio metodo è quello che oggi ti consiglio di studiare e di apprendere.

Lo puoi apprendere anche sotto l’ombrellone, se vuoi. Sono alcuni video, alcune ore di formazione.

Poi quando sei pronto ci mettiamo al lavoro insieme. Lavoriamo insieme per 12 mesi.

Operiamo un solo giorno al mese, a dire il vero. Nel resto del tempo sono a disposizione per i tuoi dubbi, le tue domande. Ci sentiamo su skype, parliamo di mercati, strategie, idee.

Di questo si tratta: di un percorso di lavoro in tandem, durante il quale ti faccio imparare ad usare un metodo di lavoro che funziona e che permette di ottenere risultati concreti.

Mi permetto di suggerirti di investire il tuo tempo per apprendere un metodo realmente applicabile.

Un metodo che magari ti cambierà la vita.

Ma non nel senso che molti intendono. Non ti renderò ricco in poco tempo, con poco sforzo e senza rischi.

Non voglio offendere la tua intelligenza.

Ti permetterò di ottenere risultati, questo sì, ed è questo il punto.

Che cosa ne farai, dove arriverai dopo… Quello poi dipenderà da te.

Il mio metodo è racchiuso nel mio Workshop naked put selling. Un workshop dedicato ad un metodo di lavoro semplice, sia da capire che da applicare.

Chiunque lo può apprendere. E chiunque può imparare ad usarlo in piena autonomia.

E se questo fosse il migliore investimento che puoi fare ad agosto?

Pensaci.

Domenico