Stanco di correre dietro ai mercati ogni giorno senza risultati apprezzabili?

omino dubbioso

Fai trading da tempo senza guadagnare davvero?

Stanco (o stanca) di inseguire i micro trend dei mercati, di cambiare idea ogni cinque minuti, di fare troppe operazioni, di regalare soldi al broker e al mercato, di non avere una metodologia affidabile con cui lavorare?

Ti svegli la mattina e segui ogni volta meccanicamente la stessa sequenza di attività:

  • cominci a pensare a cosa farai oggi, quali titoli seguirai, su quali mercati, con quali logiche operative;
  • leggi le notizie politiche e finanziarie e cominci a farti una idea di quale direzione potranno prendere i mercati oggi, formuli le tue aspettative, fai le tue previsioni;
  • con i mercati azionari ancora chiusi dai un primo sguardo ai futures americani ed europei e cerchi conferme alle tue prime impressioni; oppure smentite.

 

E ora cominci a guardare grafici su grafici

Nel momento in cui nella tua mente si profila una idea un po’ più precisa di come potrebbero andare le cose durante la sessione odierna cominci a passare in rassegna i grafici dei tuoi titoli preferiti.
Ti perdi nelle barre o nelle candele, nelle medie mobili, negli stocastici e negli altri oscillatori. Cerchi di capire il trend e cominci a muovere la finestra temporale di osservazione: zoomi avanti e indietro alla ricerca della migliore chiave di lettura. Tracci qualche trendline, i tuoi occhi si posano sugli swing più importanti degli ultimi tempi, disegni supporti e resistenze, cominci a pensare a come sfruttarli.

 

 

Meglio comprare sulla debolezza o sulla forza?

Sarà meglio aspettare un appoggio sul supporto per comprare, oppure il breakout della resistenza? E dove piazzi lo stop? E quale target ti prefiggi?

Prendi le tue decisioni e cominci a mandare ordini al mercato. Poi aspetti che arrivino le conferme degli eseguiti. E nel momento in cui ti trovi in una posizione aperta comincia la sarabanda dei cambi di idea, dei ripensamenti, dei dubbi amletici. Avrai posizionato bene lo stop? E se poi lì dove lo hai piazzato vengono a prenderti i cacciatori di stop e poi il titolo riparte? Certo, se quel livello di stop è così importante che lo vedono tutti… il rischio di una falsa rottura per poi ripartire è più che concreto!

 

 

E ti senti come una barchetta in balìa del mare in tempesta

Ed è così che se il prezzo comincia a muoversi contro di te tu cominci a dubitare delle tue decisioni. E riparte la sarabanda delle analisi, degli indicatori, dei trend e delle trendline, degli swing point, dei ritracciamenti di Fibonacci, delle onde di Elliott, delle fasi lunari e dei fondi del caffè. In una frazione di secondo metti in discussione tutto il processo mentale che ti aveva portato alla decisione iniziale. Le tue idee di poche ore – o anche di pochi minuti – prima non sono più valide. Sicuramente eri ancora preda dei fumi del sonno, il caffè non aveva ancora fatto effetto, la doccia era troppo calda e ti ha intorpidito i sensi, hai dormito poco e male, la concentrazione va e viene, i dubbi ti assalgono.
Ma ci sono anche le giornate in cui dopo che hai comprato il prezzo si muove subito a tuo favore. Vedere il verde nel book ti rinfranca, ti rende di buonumore, rafforza la tua sicurezza in te stesso (o te stessa), ti fa vedere il bicchiere mezzo pieno. Anzi, quasi pieno. Soprattutto se nei giorni scorsi hai preso qualche botta, più o meno rilevante.

 

 

E quando le cose sembrano andare per il verso giusto…

Il prezzo va verso il tuo target ma ancora non lo prende. E di nuovo arrivano i dubbi. Non avrai preteso troppo? Quel target non è troppo ambizioso, troppo esoso, troppo avido? Non sarà meglio spostarlo un po’ più in basso, monetizzare, uscire, salutare, ringraziare, e ricominciare a respirare? E ci sono giorni in cui ti capita il contrario: compri e il prezzo parte a razzo verso il tuo target. La forza del mercato è tanta e tale che pensi di essere stato pessimista, di aver fissato un livello di uscita in modo grossolano e superficiale, quasi puerile. Il mercato oggi ti sta dando ragione in un modo che non pensavi. Tanto che sicuramente il prezzo è destinato ad andare molto più su di dove pensavi.

 

 

Il mercato ti sbatte da una parte e dall’altra, senza sosta

E riparte la sarabanda: sposti le trendline, allunghi le medie mobili, cambi il passo dello stocastico, punti i ritracciamenti di Fibonacci su diversi livelli di prezzo, vai a cercare uno swing più importante di quello a cui avevi attribuito la massima importanza prima. Il tuo target si sposta più lontano, il prezzo sale, colpisce il tuo livello originario e poi staziona. E infine ritraccia.

E via di nuovo a spostare le trendline, cambiare gli indicatori, e la media esponenziale diventa quella semplice e viceversa, e il passo dello stocastico si accorcia, e la giostra gira ancora.

E la giornata scorre via così, in una tempesta ormonale continua. I tuoi sentimenti oscillano in un ciclo continuo di caduta e rinascita. Di euforia e paura. Di rabbia e pentimento. Di esaltazione e rimpianto.

Arriva sera e si fanno bilanci, si analizza a mente fredda quello che è successo, gli errori che hai fatto, le decisioni che avevi preso all’inizio e che hai preso poi, mentre eri psicologicamente coinvolto nelle operazioni che a mente fredda ti erano perfettamente chiare. Avevi pianificato tutto nei minimi dettagli, ma avevi sottovalutato l’impatto emotivo dell’operatività. O forse no, ne eri perfettamente cosciente, ma comunque non hai potuto evitare di cambiare idea, una volta, due volte, n volte. Ad ogni cambio di direzione del mercato la paura e l’euforia hanno condizionato le tue scelte, ti hanno fatto dubitare delle tue analisi, ti hanno fatto stravolgere i tuoi processi decisionali, hanno rivoluzionato i tuoi risultati.

 

 

Sai perfettamente dove e perché hai sbagliato, ma riuscirai a porvi rimedio?

Ti riprometti di non fare più lo stesso errore. Domani è un altro giorno, ti sveglierai, farai le tue analisi a mente fredda. Farai una bella colazione per fare il pieno di energie, una bella doccia tiepida per risvegliare il tuo corpo e la tua mente senza obnubilarla, raccoglierai tutta la tua concentrazione per fare le migliori analisi possibili dei mercati prima che essi inizino a muoversi in modo frenetico. Fisserai gli stop e i target e non li sposterai per nessuna ragione al mondo. Anzi, per non correre il rischio di cambiare idea ogni cinque minuti imposterai gli ordini in piattaforma, poi chiuderai la piattaforma e non la riaprirai fino a sera. Solo allora saprai cosa sarà successo, non avrai modificato le tue analisi, non avrai spostato gli stop e i target sull’onda emotiva del momento. Avrai rispettato il tuo metodo.

Ma se poi a sera scoprirai di essere stato colpito sugli stop, di aver mancato i target di un soffio, o al contrario di aver preso profitto su titoli che si sono spinti ben oltre i livelli da te stabiliti… ecco che dopodomani sarai di nuovo al punto di partenza.

 

 

Forse è il momento di fermarsi un attimo ed analizzare la situazione a mente fredda

E avanti così, in questa tempesta emozionale che giorno dopo giorno sarà per te sempre causa di forti stress, di arrabbiature, di discussioni con i tuoi cari, di isolamento, di frustrazione, di ansia, di notti insonni, di ore, giorni, settimane, mesi persi a rivedere e ridiscutere ancora e ancora le tue metodologie.

E forse finalmente ti renderai conto che è ora di cambiare passo. Di trovare un metodo di lavoro che ti permetta di ottenere risultati con una certa sistematicità, che ti consenta di ridurre al minimo la pressione psicologica, di non essere sempre con la mente sui mercati anche mentre stai facendo altre cose; che ti lasci il tempo e la serenità mentale per stare con le persone a cui vuoi bene, che ti conceda la possibilità di non perdere le giornate davanti ai monitor, alle piattaforme, agli indicatori e ai trend. In estrema sintesi, che ti permetta di ottenere buoni risultati senza compromettere la tua stabilità, fisica ed emotiva.

Come si suol dire, il primo passo per risolvere un problema è ammettere di averne uno. E ora ti dirò una cosa che ti permetterà di metterti subito sulla strada corretta:

i tuoi problemi non sono colpa tua; sei caduto vittima anche tu, come tantissimi altri, delle grandi bugie del trading on line per tutti.

Se vuoi fare un passo avanti, migliorare una volta per tutte e per sempre il tuo trading, fai clic sul pulsante qui sotto, e intraprendi il percorso che ti porterà fuori dal tunnel.