Azioni Boeing e iron condor: analisi operativa completa

logo new

Le azioni Boeing si prestano alla creazione di un iron condor ad elevato potenziale

Grazie alla piattaforma TradePort ed i suoi recenti sviluppi, in termini di nuove implementazioni, oggi disponiamo di uno strumento eccezionale per lo screening di mercato, la ricerca di operazioni interessanti, la loro valutazione critica, l’analisi dei parametri di redditività e rischio, il controllo della volatilità, e tutto il resto.

Uno dei nostri algoritmi di screening oggi ha restituito un elenco di alcuni iron condor che si potrebbero prendere in considerazione per l’operatività di oggi, 23 marzo 2018. Tra tutti ne ho isolato uno che reputo abbastanza interessante: è sul titolo Boeing.

 

Boeing (BA)

Il sistema ci suggerisce un iron condor fatto di short put 297.5, long put 285, short call 342.5, long call 350, con scadenza 6 aprile. Il credito atteso è 1.55 dollari colpendo il denaro sulle vendite e la lettera sugli acquisti, dunque una stima cautelativa. Si tratta di un condor asimmetrico, avendo rischio sulla coda sinistra pari a 12.5 dollari lordi e rischio sulla coda destra pari a 7.5 dollari lordi.

La probabilità di successo sulla base del modello Normale è soltanto il 68.6%, ma le nostre analisi di probabilità basate sulla vera storia delle azioni Boeing forniscono una stima nettamente superiore: 88% su 1 anno di dati, 91.1% su 5 anni di dati. L’analisi stress test applicata alle azioni Boeing indica poi una probabilità attesa 87.2% su 1 anno di dati, 90.5% su 5 anni di dati.

Con la funzione Price Trajectory inclusa nel nostro servizio Technical Analysis otteniamo innanzitutto una stima al 90% del potenziale percorso del prezzo delle azioni Boeing anche in considerazione degli earnings che verranno rilasciati il 25 aprile; ben oltre la scadenza del condor, ma comunque impattanti sul percorso atteso del prezzo anche prima di tale data:

 

 

Ciò che il grafico posto a destra nell’immagine ci segnala, se puntiamo l’attenzione al riquadro in esso disegnato, è che il prezzo delle azioni Boeing al 6 aprile potrebbe trovarsi compreso tra 289.92$ e 340.35$. Sembra quindi che l’idea della parte superiore del condor possa avere una ragion d’essere, ma non la parte inferiore, che potrebbe trovarsi aggredita dal movimento del prezzo delle azioni Boeing.

Proviamo dunque a muoverci in modo diverso. Usiamo la Option Matrix inclusa nella piattaforma TradePort e andiamo a vedere cosa si può ottenere creando un iron condor di estremi entrambi esterni al cono dell’andamento previsto per le azioni Boeing al 6 aprile:

 

 

Per prima cosa abbiamo ristretto il range di rischio del condor a 5 dollari e l’abbiamo reso simmetrico (una condizione non necessaria, ma che io personalmente apprezzo maggiormente). Gli strike venduti sono entrambi esterni all’area di rischio atteso per le azioni Boeing. Il credito è minore rispetto a prima: 0.77 dollari colpendo i prezzi medi; ma è minore anche il rischio. Le probabilità di successo sono elevate: sopra al 90% anche secondo il modello teorico Normale, ma ancora maggiori secondo i nostri modelli. Gli ultimi tre valori in tabella attengono a tre dei più comuni indicatori di analisi tecnica, qui analizzati con criteri di similarità sul passato e tradotti in valori di probabilità di successo. Una funzionalità che non si trova in nessun’altra piattaforma.

A completamento dell’analisi delle azioni Boeing e dell’opportunità o meno di mandare a mercato l’operazione di cui sopra diamo uno sguardo alla volatilità storica e implicita, attraverso un grafico che mostra in quale percentile delle rispettive distribuzioni a 500 giorni si trovino le due quantità di cui sopra:

 

La volatilità implicita attuale delle opzioni su azioni Boeing si trova nel 95-esimo percentile rispetto agli ultimi 500 giorni, la volatilità storica è all’88-esimo.

Tutto perfetto dunque? In effetti un piccolo neo c’è… Essendo 5 dollari il rischio lordo e 0.77 il credito atteso, il rapporto tra il rischio netto e il credito atteso lordo è pari a 5.5 circa. È vero che se facciamo la ponderazione del rischio e del profitto usando come pesi le rispettive probabilità di verificarsi l’aspettativa è positiva. È anche vero che la redditività attesa è il 18.2% in 15 giorni di calendario, il che fa una redditività annua del 443%. Notevole.

Ma rapporti oltre il 5 se posso li evito, dal momento che possiamo avere occasioni frequenti di iron condor con rapporti ben inferiori. Si tratta comunque senza dubbio di una operazione interessante. Ai posteri l’ardua sentenza!